Noreena Hertz

Il secolo della solitudine

25 €

Editore: Il Saggiatore
Collana: La cultura
Autore: Noreena Hertz
Pubblicazione: Settembre 2021
Pagine: 416
Costo di copertina: 25,00 €

Recensione del libro Il secolo della solitudine, di Noreena Hertz

“I fattori strutturali della solitudine sono radicati nelle azioni dello Stato e in quelli di individui e imprese, così come nei progressi tecnologici del XXI secolo, che si tratti di dipendenza dagli smartphone, di sorveglianza sul lavoro, di gig economy o delle nostre esperienze sempre più prive di contatto.”

.

La Hertz analizza in modo preciso, tecnico e scientifico, con dati alla mano, le mille sfaccettature della solitudine del nostro tempo. Che si annida in tante, troppe situazioni, scelte o imposizioni. Con attenzione affrontando la lettura si raggiunge una consapevolezza profonda di così tanti aspetti della nostra vita (o, a volte, per fortuna solo di quella di altri), che si è davvero motivati a cambiare, in meglio, quelle abitudini o scelte che sono nelle nostre mani.

Il secolo della solitudine non dipinge un nuovo quadro della realtà, ma fa luce su quanto abbiamo già davanti agli occhi ogni giorno ma che spesso non valutiamo correttamente e con il giusto peso. Leggerlo dovrebbe essere un dovere di tutti, per diventare non solo cittadini più consapevoli, ma anche persone migliori sia nei confronti di noi stessi sia nei confronti degli “altri” (non mi azzardo a dire comunità…).

Conclusioni:

A chi è rivolto: a tutti. Non è facile da “digerire”, perchè ci fa rendere conto di cose scomode, ci fa indignare, ci fa puntare il dito e ci intristisce, anche, un pò.

Quanto è pratico: in ogni capitolo c’è una parte in cui la Hertz ipotizza soluzioni o altri scenari possibili o percorribili mettendo in atto azioni o cambiando abitudini. 

È da avere in libreria: è da leggere. Poi, anziché metterlo in libreria e lasciarlo lì, è da prestare a un amico.

L'Autrice della recensione

Lafil Design

Lafil Design

"La Fil" è come mi chiamano gli amici ormai da tempo immemore. Ecco perché Lafil Design: perchè vorrei che vi sentiste a vostro agio, liberi di esprimere le vostre necessità e preferenze. Io sarò sincera e trasparente, e affronterò il vostro progetto con un sorriso. Mi piace studiare, ho sempre avuto questo "difetto", per cui ne ho approfittato per assorbire il più possibile. Laureata al Politecnico di Milano in Design della Comunicazione ormai nel lontano 2008, ho poi proseguito con una Specializzazione in Scenografia e Allestimento di Spazi Espositivi. Volevo infatti riuscire a ragionare anche "in grande formato", andando oltre le due dimensioni del computer. In questi due anni ho sfruttato al massimo ciò che mi veniva offerto dall'Accademia, partecipando a vari corsi facoltativi di pittura e disegno. Infine, ho seguito un corso triennale di illustrazione e colorazione digitale alla Scuola Internazionale di Comics. Credo sia infatti fondamentale saper gestire fotografie e illustrazioni, e magari farne alcune da zero. Da diversi anni ormai lavoro nel mondo della grafica per aziende e liberi professionisti, e da alcuni anni anche per i futuri sposi. Da sempre sono una precisina organizzata, estremamente sensibile al lato estetico e alla praticità. Anche per questi motivi, ho deciso di dedicare ormai da qualche anno una parte del mio lavoro al design del matrimonio, a partire dalla carta stampata (che resta sempre il mio amore più grande), fino allo sviluppo di un tema a 360*, aggiungendola al mio lavoro "standard" di graphic designer.

Ti è piaciuta questa recensione?

Continuiamo a parlare di libri sui nostri social

Hai già visto le altre recensioni?