fbpx

Michael Lewrick, Patrick Link, Larry Leifer

Gli strumenti per il Design Thinking

34,90 €

Editore: Edizioni LSWR
Autore: Michael Lewrick, Patrick Link, Larry Leifer
Pubblicazione: 2021
Pagine: 324
Costo di copertina: 34,90 €

Recensione del libro Gli strumenti del Design Thinking, di Michael Lewrick, Patrick Link, Larry Leifer

Il Design Thinking è definito come “un approccio all’innovazione che poggia le sue fondamenta sulla capacità di risolvere problemi complessi utilizzando una visione e una gestione creative”.

I tre autori hanno svolto un’accurata indagine chiedendo a oltre 2500 utenti del Design Thinking quali fossero gli strumenti e i metodi che preferiscono usare e quali offrono i benefici maggiori.

Il toolbox per il Design Thinking

Il risultato è in toolbox per il Design Thinking ideale per chi si vuole approcciare al metodo e per chi vuole approfondire l’argomento, con spiegazioni semplici, proposte alternative, suggerimenti degli esperti e tantissime immagini esemplificative delle applicazioni.

Raccontare questo libro non è facile, a partire dal modo in cui è strutturato il libro. Colori, schemi e disegni vi guidano in una lettura non sempre lineare e classica della pagina.

Certo, è proprio il libro stesso la prima applicazione del metodo del Design Thinking e quindi non potevamo che aspettarci un manuale adeguato al tema.

Le sei fasi del Design Thinking

Il libro è strutturato seguendo le sei fasi del microciclo del Design Thinking:

  • Comprendere
  • Osservare
  • Definire il punto di vista
  • Ideare
  • Prototipare
  • Testare
  • Riflettere.

Si parte quindi da una fase di warmup con tecniche che ci aiutano a capire meglio il problema e a conoscere più a fondo un potenziale utente. In base a quello che deriva da questa prima fase si presentano le strategie che aiutano a formulare un punto di vista che verrà poi usato come punto di partenza nella ricerca di una soluzione. Si passa quindi alla fase di ideazione e, più difficile, alla selezione delle idee che vedranno la luce con la creazione dei primi prototipi da testare. Qui il motto è “Amalo! Cambialo! Oppure lascialo perdere!”. Si chiude con il riflettere a vari livelli su tutta la procedura, sul team e sulla mentalità.

Questo è un libro che va letto, non può essere raccontato. La metodologia del Design Thinking è innanzitutto un modo di pensare e vedere le cose. Non lo si può schematizzare in qualche riga. Ma posso dirvi che questo bel manuale è un concentrato di concetti, di strumenti e di spunti che tutti dovrebbero leggere per l’apertura mentale in cui ti guida.

E ricordiamoci che ogni tanto lasciare la nostra strada “sicura” per vedere qualcosa di nuovo e lasciarci “contaminate” non fa male!

Gli strumenti per il Design Thinking. La guida alle migliori tecniche per facilitare l'innovazione

L'Autrice della recensione

Federica Mori - La Barbie Social

Federica Mori - La Barbie Social

Mi sono laureata in Relazioni pubbliche e Pubblicità nel 2006 e ho iniziato a lavorare poco dopo in un’agenzia di comunicazione. Dal 2015 sono Freelance e mi sono dedicata al Social Media Marketing, senza però mai tralasciare il mio amore per l’Ufficio Stampa e le PR. Oggi sono Social Media Strategist e ADV Specialist: aiuto aziende e piccole realtà a usare i social per migliorare la propria presenza online. Perché mi chiamo “La Barbie Social”? Perché sono sempre stata la “smanettona” della famiglia. Quando mi sono iscritta a Facebook (2007) la mia vita è diventata sempre più “social”: mi piaceva scrivere, usare Facebook come un diario e chiacchierare con gli amici. Era il periodo in cui il colore rosa era parte di me, quello dei tacchi tutti i giorni per andare in ufficio, mai senza trucco. Insomma, ero un po’ Barbie. Da qui è nata "La Barbie Social", mio primo nickname su Twitter con cui la gente negli anni ha imparato a conoscermi durante gli eventi di settore.

Ti è piaciuta questa recensione?

Continuiamo a parlare di libri sui nostri social

Hai già visto le altre recensioni?