fbpx

Barbara Reverberi

Freelance Digitali

22 €

Editore: Maggioli
Collana: Digital Generation
Autore: Barbara Reverberi
Pubblicazione: Aprile 2020
Pagine: 243
Costo di copertina: 22 €

Recensione del libro Freelance Digitali, di Barbara Reverberi

Ecco il libro che avrei voluto avere tra le mani quando ho iniziato la mia strada da libera professionista nel 2015! Purtroppo io ho dovuto “fare tutta da sola”, sbagliando in tante cose soprattutto all’inizio.

Chi invece vuole diventare freelance oggi ha la strada spianata.

Questo libro è una guida pratica dove, step by step, vi si accompagna nel percorso per fare il salto da dipendenti a liberi professionisti (o per nascere direttamente freelance).

Partendo da una verità: la nostra è una vocazione. Può arrivare a 20 o a 40 ma si sente davvero la chiamata alla libera professione. Almeno per me è stato cosi. E anche per l’autrice.

Il significato di essere freelance

Essere freelance non è facile, ma forse oggi lo è un po’ più di ieri. Oggi ci sono community, siti, libri (appunto!) che ti aiutano a intraprendere questo percorso e a rimanere focalizzato sull’obiettivo. Già solo 6 anni fa non era cosi, credete a me!

Partendo proprio dalla sua esperienza personale, l’autrice tocca tutti i lati del freelance di oggi: perchè noi si che siamo “a 360 gradi”, davvero.

Un libero professionista deve cavarsela con diversi aspetti del proprio lavoro: quello burocratico, quello strategico, quello organizzativo, quello promozionale.

Si: essere freelance è un lavoro dentro il lavoro!

Serve una forma mentis, che si può avere o imparare; serve spirito d’iniziativa (e un po’ di pazzia a volte); serve coraggio, soprattutto oggi.

Libero professionista e Partita iva

Nel libro si parla di tanti diversi tipi di freelance e non solo delle figure strettamente legate al digital e al marketing. Il percorso è quasi sempre lo stesso e i consigli valgono per tutti.

A partire dalla parte burocratica, da come si sceglie la propria partita iva e da come fare un preventivo

Nel libro c’è anche una parte più pratica, dedicata agli strumenti che ci aiutano nella vita di tutti i giorni. E qui ne troverete tanti, tutti utilissimi, sia per gestire il vostro lavoro sia se lavorate in team.

La chiusura è dedicata alla promozione: perché è inutile esserci se non lo dici a nessuno. E un libero professionista capisce presto che senza l’auto-promozione non potrà andare molto lontano.

Scoprirete che questa sarà la parte che vi impegnerà di più, quella che tenderete sempre a rimandare per mancanza di tempo, quella che riterrete sempre meno importante rispetto al lavoro da fare per un cliente. Vi assicuro che, invece, è la parte che vi servirà di più negli anni.

Quindi ascoltate la vostra Barbie Social oltre all’autrice: dedicate anche solo un’ora a settimana al vostro Personal Branding. Mettetelo in agenda, cosi lo inserirete tra le task settimanali. Credetemi: non ve ne pentirete. Sono sicura che verrete a ringraziarci per questo consiglio da “zie del web”. 

Organizzazione del tempo e Digital Detox

Menzione speciale per la parte del libro dedicata al mindset. Sembra banale, ma non lo è. Lavorare quando volete spesso coinciderà con “lavorare sempre”, weekend compresi. Scoprirete che crearvi il “vostro metodo” vi salverà la vita (lavorativa, ma anche personale). Io consiglio sempre a quelli che mi chiedono da dove partire di farsi un percorso con uno/una coach: bastano davvero poche ore per scoprire come usare il vostro tempo nel modo migliore, per aiutarvi a creare una routine quotidiana. Perchè “non staccare mai” è deleterio: spesso più per la vostra vita personale che per quella lavorativa. 

In conclusione

A chi è consigliato? A chi vuole “lanciarsi” nella libera professione, senza il rischio di buttarsi dalla finestra (metaforicamente parlando) subito dopo aver aperto la partita iva.

Quanto è pratico? Molto. Vengono analizzati tutti gli aspetti e i passaggi da fare. Vi sono poi intere pagina con consigli e tool da usare per aiutarci quotidianamente.

È da avere in libreria? Si, per ricordarci da dove siamo partiti e, ogni tanto, ritrovare la strada.

L'Autrice della recensione

Federica Mori - La Barbie Social

Federica Mori - La Barbie Social

Mi sono laureata in Relazioni pubbliche e Pubblicità nel 2006 e ho iniziato a lavorare poco dopo in un’agenzia di comunicazione. Dal 2015 sono Freelance e mi sono dedicata al Social Media Marketing, senza però mai tralasciare il mio amore per l’Ufficio Stampa e le PR. Oggi sono Social Media Strategist e ADV Specialist: aiuto aziende e piccole realtà a usare i social per migliorare la propria presenza online. Perché mi chiamo “La Barbie Social”? Perché sono sempre stata la “smanettona” della famiglia. Quando mi sono iscritta a Facebook (2007) la mia vita è diventata sempre più “social”: mi piaceva scrivere, usare Facebook come un diario e chiacchierare con gli amici. Era il periodo in cui il colore rosa era parte di me, quello dei tacchi tutti i giorni per andare in ufficio, mai senza trucco. Insomma, ero un po’ Barbie. Da qui è nata "La Barbie Social", mio primo nickname su Twitter con cui la gente negli anni ha imparato a conoscermi durante gli eventi di settore.

Ti è piaciuta questa recensione?

Continuiamo a parlare di libri su nostri social

Hai già visto le altre recensioni?

© 2021 Libri di Marketing – Tutti i diritti riservati