Categorie
Social Media

Facebook e Instagram: Strategie per una pubblicità che funziona

La prima recensione è di un libro dedicato alle Facebook ads. Faccio una premessa: sono partita un po’ restia verso questo libro come verso tutti quelli che parlano di Facebook. Dopo più di 10 anni come Social Media (prima) Manager e (poi) Strategist diciamo che per me trovare un libro veramente interessante e utile è difficile.

Ma devo dirvi che questo mi ha proprio sorpreso! Scritto in maniera lineare e semplice, propone molti esempi che possono essere d’ispirazione. E non parliamo solo di esempi quali grandi brand con budget stellari che difficilmente potremo applicare, ma anche di piccole realtà locali come Nonna Pallina (quando leggerete il libro scoprirete di cosa parlo).

Il libro segue una struttura che parte dalle basi sviluppando in modo preciso tutti gli argomenti. Potete scaricare il sommario sul libro dell’editore a questo link: https://bit.ly/39e0ldQ

La parte tecnica sulla creazione delle adv (quello che interessava più a me) è ben spiegata, ideale sia a chi si approccia alla piattaforma per la prima volta sia per chi fa abitualmente adv.

Ma la parte che ho trovato più interessante è legata ai contenuti per le adv. Una cosa che spesso viene messa in secondo piano o liquidata con un “create visual che attirino l’attenzione e date al vostro target quello che vuole”. Beh vi diró: non è proprio cosi semplice.

In questo libro troverete il flow per creare campagne in linea con il funnel che avete ideato. E se non avete un funnel capirete perchè vi serve! Creare un’adv su Facebook senza avere prima pensato a una strategia completa è un po’ come lanciare i dati sul tavolo del casino e sperare di vincere. 

Il libro vi darà ottime idee da poter mettere in pratica, subito. Ma soprattutto vi dirà una grande verità: create contenuti dopo aver pensato alla campagna, e non prima! Perchè? Perchè devono essere loro ad adeguarsi agli obiettivi di marketing che abbiamo scelto.. e non noi che ci adeguiamo a loro.

E vi dirà anche un’altra cosa: per un advertiser, Instagram è un posizionamento pubblicitario, niente di più niente di meno. Ma una cosa è certa, anche per me: Instagram è uno straordinario strumento di awareness e spesso il primo contatto con il brand ma non è un grande strumento di conversione. E qui attendo di sapere la vostra opinione in merito.

In conclusione:
A chi è consigliato? A tutti, davvero. Da chi sta iniziando a chi lo fa già di mestiere.
Quanto è pratico? Molto e con tanti spunti.
È da avere in libreria? Assolutamente si! Io stessa l’ho preso in prestito dalla biblioteca e poi l’ho comprato per averlo sotto mano, mettendo il segno ad un paio di questioni, pronto da consultare in caso di bisogno.

Un esempio? Quando ci scontriamo con i programmatori sui dati di Analitycs che non coincidono mai con i nostri di Facebook. Nel libro è tutto spiegato chiaramente. Dovete solo mostrarlo ai miscredenti! 😉 

Autore: Enrico Marchetto
Editore: Apogeo
Collana: Guida Completa
Pubblicazione: Novembre 2019
Pagine: 192
Costo di copertina: 24,90€
Ebook: 16,90€
Acquistabile qui: https://amzn.to/3mBD369

Ti è piaciuta questa recensione?
Seguici su Instagram o su Facebook e parliamone!

Di Federica Mori - La Barbie Social

Mi sono laureata in Relazioni pubbliche e Pubblicità nel 2006 e ho iniziato a lavorare poco dopo in un’agenzia di comunicazione. Dal 2015 sono Freelance e mi sono dedicata al Social Media Marketing, senza però mai tralasciare il mio amore per l’Ufficio Stampa e le PR. Oggi sono Social Media Strategist e ADV Specialist: aiuto aziende e piccole realtà a usare i social per migliorare la propria presenza online.

Perché mi chiamo “La Barbie Social”? Perché sono sempre stata la “smanettona” della famiglia. Quando mi sono iscritta a Facebook (2007) la mia vita è diventata sempre più “social”: mi piaceva scrivere, usare Facebook come un diario e chiacchierare con gli amici. Era il periodo in cui il colore rosa era parte di me, quello dei tacchi tutti i giorni per andare in ufficio, mai senza trucco. Insomma, ero un po’ Barbie. Da qui è nata "La Barbie Social", mio primo nickname su Twitter con cui la gente negli anni ha imparato a conoscermi durante gli eventi di settore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *