fbpx

Elisa Bonacini

Digital Storytelling nel Marketing Culturale e Turistico

28 €

Editore: Dario Flaccovio Editore
Collana: Web book
Autore: Elisa Bonacini
Pubblicazione: giugno 2021
Pagine: 304
Costo di copertina: 28,00 €

Libri di Marketing - Recensione del libro Digital Storytelling nel marketing culturale e turistico

Recensione del libro Digital Storytelling nel Marketing Culturale e Turistico, di Elisa Bonacini

Questo libro è venuto con me per mari e monti quest’estate, un vero compagno di viaggio a cui mi sono affezionata. Elisa Bonacini mi ha letteralmente portata in giro per il mondo, tra località divenute pop e musei che hanno fatto dello storytelling il loro asso nella manica. 

“Digital Storytelling nel marketing culturale e turistico” é un manuale pratico con esempi applicativi –  così recita la copertina e leggendo questo libro vi accorgerete che Elisa mantiene le promesse, è un perfetto mix tra teoria e pratica. Elisa Bonacini è una archeologa, specializzata nella comunicazione culturale attraverso le nuove tecnologie e i social media, topic sul quale ha scritto davvero tanto.

Non vi nego che la parte teorica, soprattutto nelle prime pagine, è davvero impegnativa e in certi passaggi la lettura di questo libro mi ha riportato ai manuali dell’università. Il primo capitolo è pieno di concetti chiave da sapere e da imprimere nella memoria; nel secondo si trova una classificazione delle forme dello storytelling digitale davvero minuziosa. Poi arriva il bello: la rivoluzione del terzo capitolo, dove le 5W del giornalismo si trasformano nelle 7W dello storytelling digitale – per noi studiosi di comunicazione un tuffo al cuore. Segue il capitolo dedicato alle potenzialità del digital storytelling come strumento di marketing.

“Digital Storytelling nel marketing culturale e turistico” si chiude con una vera chicca: 14 contributi di autorevolissimi professionisti del settore che a vario titolo hanno collaborato o ideato altrettanti progetti in ambito turistico e culturale, iniziative virtuose per l’impiego dello storytelling digitale.

Ricapitolando, da non perdere: 

  • prima di tutto…lo smartphone o il tablet di vista, infatti questo libro si legge e si “vive” collegandosi ai numerosi siti che l’autrice nomina e riporta come case history
  • le 7W dello storytelling digitale 
  • i 14 contributi di quelli che l’autrice “tedofori” in questo viaggio dedicato al racconto digitale

Mi soffermo ancora un attimo su queste quasi 100 pagine finali, rivolte a chi vuole imparare a conoscere e applicare il digital storytelling nei settori della cultura e del turismo. Storie, progetti, esperienze, testimonianze di successo e riflessioni che si traducono in un vero e proprio messaggio finale: è fondamentale oggi in una strategia digitale orientarsi e aprirsi al racconto, soprattutto al racconto partecipato e di comunità se si parla di cultura e turismo.

In conclusione

A chi è consigliato? A chi vuole fare una full immersion nello storytelling e a chi desidera ampliare la sua visione grazie ai tantissimi spunti e alla bibliografia (amplissima).

Quanto è pratico? 50 e 50, in un equilibrio perfetto e quindi piacevole. Un consiglio in più: seguire i profili social dei brand e degli esperti che vengono citati, una selezione davvero interessante. 

È da avere in libreria? Assolutamente sì.

L'Autrice della recensione

Valentina Martinelli

Valentina Martinelli

Da oltre 10 anni in Rete, quella virtuale e quella reale. Comunicare per me è come respirare, ci aveva visto lungo la mia maestra della prima elementare: “Signora, sua figlia si occuperà di pubbliche relazioni”, disse durante il primo colloquio con i miei genitori. Leggere fa parte del mio DNA, con un papà tipografo e una mamma divoratrice di libri non poteva essere altrimenti. Le to-do list sono il mio mantra e vivo connessa. Amo i viaggi per i ricordi che regalano. Sono la mamma di Margherita e Leonardo, ho un debole per i piani ben riusciti e per la carbonara.

Ti è piaciuta questa recensione?

Continuiamo a parlare di libri sui nostri social

Hai già visto le altre recensioni?